LA LEGGENDA DEL TRIBULAUN

Il fantasma della montagna del Tribulaun

Molto tempo fa sul Tribulaun di Gschnitz e di Fleres viveva un fantasma della montagna. Era forte come un gigante, ma non faceva del male a nessuno perché era un fantasma buono.

Gli uomini della valli andavano spesso sul Tribulaun e raccontavano al fantasma della montagna storie dalle valli e dal mondo. Il fantasma della montagna era contento quando gli uomini venivano a trovarlo, li ascoltava volentieri e per ringraziarli regalava loro un piccolo pezzettino d'oro. 

Così passarono molti anni finché gli uomini diventarono sempre più avidi. Ormai non raccontavano quasi più niente al fantasma della montagna, ma volevano avere sempre più oro. Al fantasma della montagna non piaceva l'avidità degli uomini. Desiderava che tornassero ad essere umili e gentili com'erano una volta e smise di dare loro l'oro. 

Allora gli uomini fecero un piano per raggirare il fantasma della montagna. Aspettarono che si addormentasse, salirono di nascosto sul Tribulaun e rubarono tanto oro quanto riuscirono a portar via.

Quando il fantasma della montagna si svegliò, vide che cosa avevano fatto gli uomini. Adirato, prese dei grossi blocchi di pietra e li gettò dietro agli uomini. Dalla paura gli uomini lasciarono cadere l'oro e corsero via più veloce che poterono.

Per un po' di tempo regnò la pace nella Sandestal. Poi, però, gli uomini cercarono di nuovo di rubare l'oro. Ma il fantasma della montagna stava attento, non dormiva più. Per la stanchezza era sempre più adirato con gli uomini e mandava grandi valanghe nella valle.

Un giorno un giovane salì sul sentiero del Tribulaun cantando una canzone. Aveva un cuore buono e allegro e offrì il suo aiuto al fantasma della montagna. Voleva fare la guardia affinché il fantasma della montagna potesse finalmente dormire e la pace tornasse nella valle.

Il fantasma della montagna guardò a lungo il giovane e vide profondamente dentro il suo cuore. Non vi trovò nessuna bugia e nessuna falsità e gli credette. Allora il fantasma della montagna si mise a dormire tra le rocce.

Il giovane costruì una piccola baita accanto al Tribulaun e da lì il suo sguardo si estendeva su tutta la Sandestal. Ogni volta che gli uomini cercavano di salire di nascosto attraverso la valle, lui svegliava il fantasma della montagna e questi li cacciava via dalla valle.

Per molti anni il giovane e il fantasma della montagna vissero felici insieme sul Tribulaun. Quando il giovane diventò vecchio, suo figlio vegliò sul sonno del fantasma della montagna e, dopo di lui, il figlio di suo figlio. Dopo che fu passato molto tempo, gli uomini delle valli avevano dimenticato il fantasma della montagna e il tesoro.

Oggi, dove una volta il giovane aveva costruito la sua piccola casa, c'è il rifugio Tribulaun. L'oro non si trova più sul Tribulaun, ma i macigni che il fantasma della montagna aveva gettato dietro agli uomini, si possono vedere ancora oggi nella parte posteriore della valle.

 

Attività invernaliVacanze avventurose per grandi e piccini...
Inverno

Alpinismo

Inverno

Avventure nella neve

Inverno

Gite

  • Attivitàinvernali
  • Attivitàestive
{$menu}
Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
ok